riconoscimento Net Parade

In classifica sito

martedì 9 settembre 2014

Poesia dell'ultima notte della Terra







C’è una luna piena che spezza il respiro,

e le azzurre Pleiadi occhieggiano lassù,

nel cielo nero di disperazione.


Non ho più voce per cantare,

non ho più occhi per piangere.

Ho dissipato i sogni, bruciato ogni speranza.


Muti versi rimbombano nei deserti dell’anima,

e l’angoscia del vivere

si stempera nel mare dell’oblio.


Il mio cuore è sordo

ai richiami di chimeriche sirene,

e le tenebre lusingano la mente stremata

con promesse di pace.


Molte altre notti culleranno il sonno della terra,

ma non per me.


Questa veglia dolente sarà l’ultima concessa

al mio dissennato amore per la vita,

e questo vaneggiante lamento,

la mia estrema poesia. 



dedicata a Henry Charles Bukowski

1 commento:

  1. estrema dolce poesia, come la vita del resto è cosi',turbinio di sensi e di autentiche speranze,
    di eterni addii quando ancora il tempo consuma i nostri desideri.....
    "poesieinsmalto"

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento: verrà pubblicato non appena lo avrò visionato.