riconoscimento Net Parade

In classifica sito

mercoledì 3 aprile 2013

Il Tuareg dagli occhi blu

(romanzo-frammenti)


Si è voltata verso Lorenzo, l'ha fissato per un istante, pensierosa, poi gli ha sorriso. La neve che cade sul deserto! Ecco, non c'è paragone più adatto a descrivere l'eccezionalità dei suoi occhi. Di colore verde azzurro, profondi come il mare, limpidi come un cielo sereno. Un solo sguardo, e Lorenzo si sente perduto. Naufrago nell'abisso delle iridi cristalline, disperso nel fitto bosco delle ciglia setose. Funambolo in equilibrio precario sul profilo del suo naso perfetto, affamato dei turgidi frutti delle sue labbra morbide. Assetato del suo respiro, che vorrebbe fondere con il proprio, fino a perderlo.
La donna distoglie lo sguardo e si rivolge a Maria: <<Cara, potrei avere la chiave della mia cabina?>> Ringrazia la ragazza, che si è affrettata a esaudire la richiesta, e sorride di nuovo, facendole scivolare in mano una banconota da venti euro. <<Grazie... buona giornata, ragazzi.>> Si allontana, eterea come un miraggio.




Nei panni di Yebrahim si trova perfettamente a suo agio e a volte, se chiude gli occhi, immagina se stesso con il volto coperto dalla Taghelmoust color indaco, per ripararsi dal vento, dal sole e dalla sabbia, che in groppa a un cammello percorre senza sosta chilometri di deserto, da una sorgente all'altra, alla ricerca di pascoli per il bestiame. Il ragazzo che non si è mai mosso dal paese sogna lunghe file di carovane che attraversano una terra impervia, fatta di distese sterminate di sabbia e rocce. E gli sembra di vedere il colore delle dune, che varia dall'ocra al rosso, mentre si accavallano e si muovono secondo la spinta del vento, sotto un cielo azzurro intenso di giorno e traboccante di stelle la notte. E nelle fredde notti stellate, dopo essersi ristorato bevendo tè bollente accanto al fuoco, immagina di trovare riparo sotto una tenda, dove una bellissima donna, dai lunghi capelli neri e grandi occhi, scuri come le tenebre, lo avvolge tra le braccia morbide e profumate, fino a farlo sprofondare nel vortice della passione.
Solo che adesso la donna che turba i suoi sensi è bionda, con la pelle color del miele e le iridi chiare...  Marina!





È rannicchiata in una delle grandi poltrone di velluto del lussuoso salone di Villa Ortensia, con indosso soltanto una vestaglia di seta, allacciata in vita. Fa ancora molto caldo, ma ha il corpo scosso dai brividi e un leggero sudore le imperla i contorni del viso, accaldato. I capezzoli, turgidi per l'eccitazione, premono contro la stoffa sottile; gli spasmi che contraggono il basso ventre le rendono faticoso il respiro. Appoggia la nuca alla spalliera e chiude gli occhi. La determinazione di non accarezzarsi, mentre con la voce guidava Lorenzo alla soddisfazione dei sensi, è stata un'auto imposizione difficile da rispettare, e adesso si sente spossata, come se avesse dato sfogo alle sue voglie in un amplesso estenuante.
Lorenzo... fino a due giorni fa era soltanto lo sbiadito ricordo di un ragazzino non ancora adolescente, figlio di una signora gentile dalla quale andava a fare i mestieri. Non rammenta che le sia capitato di ripensare a lui, negli anni trascorsi lontano dal paese, se non i primissimi tempi, quando la nostalgia la teneva sveglia la notte. La nostalgia, insieme alla consapevolezza dell'enormità del gesto che aveva compiuto: si era venduta, aveva rinunciato alla sua giovinezza, ai suoi sogni, alla libertà, per scappare quasi come una ladra. Si era arresa, aveva smesso di lottare... e aveva appena vent'anni!



            La potente fuoriserie sfreccia sulla litoranea, ignorando il limite di velocità. Lorenzo è sicuro che Marina sia capace di infrangere tutti i limiti, e farli infrangere anche a lui. Contempla il profilo perfetto della donna, concentrata nella guida, e si sente avvampare di desiderio. Le mani affusolate, dalle unghie lunghe e laccate di rosso, gli suscitano fantasie terribilmente erotiche: vorrebbe sentirsele sulla pelle, quelle mani, carezzevoli ma anche graffianti. Si sente quasi svenire dall'eccitazione. Lei ha superato le ultime case della periferia del paese e continua a guidare, con la sicurezza di chi conosce bene il luogo. Rallenta, fino a fermarsi in un piccolo slargo, che delimita le dune sabbiose del tratto di spiaggia incustodita; parcheggia al riparo di alcuni cespugli che occultano l'auto alla vista dei passanti. La notte è stellata: si potrebbe immaginare di essere nel deserto, se non fosse per il rumore della risacca a pochi metri di distanza. Non si sono scambiati nemmeno una parola, durante il tragitto. Lorenzo è rimasto in silenzio, in trepidante attesa, da quando l'ha portato via dalla casa che condivide con gli altri, al culmine della festa. “Lorenzo, ti andrebbe di fare un giro con la mia auto?” I ragazzi e Maria si erano scambiati occhiate allusive, qualcuno aveva sorriso. Moustapha  annuiva, soddisfatto. “Sì!” aveva mormorato il giovane, e si era lasciato rapire.
Marina sfila la chiave dal cruscotto, si volta verso di lui e lo fissa; gli occhi, più brillanti delle stelle, gli scavano fino in fondo all'anima.
<<Hai mai fatto il bagno nudo, di notte?>>



Lorenzo ha  appoggiato appena il dito sul campanello; il cancello si apre dopo pochi secondi.
            <<Lei Signor Lorenzo? Signora Altieri sta aspettando, prego... >>
            Fissa il domestico Filippino, a bocca aperta: il volto dai lineamenti esotici non tradisce emozione né curiosità. Gli ha fatto un cenno con la mano, come invito a entrare, e lo precede in silenzio, per il vialetto alberato del parco di Villa Ortensia. Lorenzo sente il battito del cuore che sovrasta il rumore dei propri passi, sull'acciottolato di ghiaia sottile. È la prima volta che va da lei, a casa sua: la sua padrona lo sta aspettando... per farlo morire nel suo letto... nudo e legato! La mente vacilla, in preda allo stordimento.  Stringe forte il lungo stelo della rosa scarlatta che ha preso per lei e sente il dolore delle spine acuminate che si conficcano nella carne. Apre il palmo e fissa come ipnotizzato le gocce rosso scuro che fioriscono sulla pelle ambrata; il sangue... ecco, le porterà in dono il suo sangue. E il fuoco dell'incontenibile passione che gli strazia l'anima e gli torce le viscere. La sua Padrona sarà contenta di lui e lo farà morire. Morire di piacere... morire d'amore. Morire... a sangue e fuoco.



<<Baciami le scarpe, Signor Rettore del cazzo!>>
            L'uomo si era accasciato in ginocchio, il flaccido corpo scosso da un tremito incontenibile, il volto paonazzo dalla vergogna, gli occhi vacui smarriti dall'angoscia.
            <<Signora Altieri, la prego... >>
            <<Baciami le scarpe, MALEDETTO-LURIDO-PORCO!>>
            Era scoppiato in singhiozzi, ma lei non si era mossa a pietà. Aveva provato la stessa sensazione di schifo di quindici anni prima, quando gli aveva sputato in faccia ed era scappata dal suo ufficio. Quindici anni passati a coltivare l'odio, a tessere la trama della vendetta.
            <<Ti ho detto di baciarmi le scarpe! Subito!>> Aveva tuonato, sovrastandolo dall'alto dei tacchi da vertigine, incombendo su di lui con la furia dell'ira vendicatrice.  L'uomo aveva appoggiato i palmi a terra e abbassato il viso fin quasi a sfiorare il pavimento; aveva tirato fuori la lingua, con un guaito da cane bastonato, e le aveva leccato la fiammeggiante vernice delle scarpe. Le era venuto da vomitare, come quel giorno...


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento: verrà pubblicato non appena lo avrò visionato.