riconoscimento Net Parade

In classifica sito

venerdì 23 agosto 2013

Se avessi un amico



Se pensassi d’avere un amico
non vorrei che vegliasse, la notte,
perché io non riesco a dormire,
né avrei la pretesa, di giorno,
che seguisse sempre i miei passi.

Non  vorrei che mi desse ragione
e mi adulasse con false lusinghe,
ma vorrei  mi capisse senza parlare,
e  vedere dentro i suoi occhi
l’immagine che io ho di me stessa.

Vorrei mi accettasse così come sono,
e gli piacessi perfino,
perché non saprei esser diversa,
e se mi volesse cambiare,
non potrebbe essermi amico.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento: verrà pubblicato non appena lo avrò visionato.